www.tribunanovarese.it - 13 Giugno 2012

Il giornalista Vito Cioce socio onorario di "Scrittori e sapori"
In questi giorni è stato ospite ad Orta, per condividere i progetti con la presidente Laura Travaini

di Barbara Bozzola

 
Novara - Ha condotto per anni le principali edizioni del Gr e il programma “ Il baco del millenio”. E’ stato vice direttore di Rai Radio 1 e del Giornale Radio Rai, nonché  conduttore e condirettore dei programmi “Tramate con noi” e “Storie in piazza”, e della trasmissione “Facciamo storie”.  Vito Cioce, giornalista vincitore del premio “Nord e Sud che lavorano” per il filo diretto nel giorno del black-out che paralizzò l’Italia il 28 settembre del 2003, è ora socio onorario dell’associazione "Scrittori e Sapori", fondata da Laura Travaini. «Ho conosciuto Vito Cioce nel maggio 2011, al Salone Internazionale del Libro di Torino. Mi è stato presentato da Bruno Gambarotta - dice Travaini - che non solo è un caro amico ma è anche uno dei soci fondatori dell’associazione. Dopo quell’incontro, ci siamo sentiti diverse volte e ha condiviso con i soci fondatori il Convegno “Scritti e Piatti” che si è svolto a Cameri. E’ stata, per me e per tutti i soci, motivo di prestigio la sua nomina a socio onorario». L’associazione Scrittori e Sapori è stata recentemente presente anche al Salone Internazionale del libro di Torino. [vedi l'articolo originale]
 
 

 

www.lastampa.it - 1 Dicembre 2011

Orta, la spiritualità in punta di lago
La leggenda vuole che a fondare il borgo sia stato San Giulio

di Piero Soria

 
Per dire quanto è bella Orta basta questo racconto. [...]
Il buon mangiare ha una sua parte importante, a cominciare dall'Associazione Scrittori e Sapori partecipata da grandi autori e cuochi. Detto che il 3 dicembre si celebra la festa di San Nicolao a cui è dedicata la chiesa del Sacro Monte (alle 17 dopo le celebrazioni religiose c'è la distribuzione di rametti di agrifoglio e della cioccolata calda a cui partecipano centinaia di persone che arrivano da ogni angolo della provincia), vediamo qualche buon indirizzo: Il Sorriso a Soriso con Luisa Valazza ai fornelli, una delle più celebri interpreti dell’arte culinaria mondiale, tre stelle Michelin. Poi, Villa Crespi a Orta che, oltre ad essere una incredibile dimora moresca con romantici letti a baldacchino, ha in cucina Antonino Cannavacciuolo, due stelle Michelin.
E, sempre ad Orta, c'è lo chef Paolo Viviani del San Rocco vincitore delle Olimpiadi internazionali del riso. Grande gelataia è La Gina di Pisano: torta gelato al rabarbaro, sorbetto di uva fragola, meringata con i marron glacés. Tra i dolci, da ricordare i Pani di San Giulio, farciti con scaglie di cioccolato e uvetta, che le monache benedettine realizzano in occasione della festa di San Giulio del 31 gennaio.
"Il monastero di clausura aumenta il fascino del luogo dove abbondano le eccellenze gastronomiche"
[leggi l'articolo completo]
 
 

 


Pagina 2 di 4

Copyright © Scrittori e Sapori | Informativa sulla privacy | E-mail: laura.travaini@lauratravaini.it